mercoledì 10 agosto 2011

MEMORIA SANA PIU' A LUNGO? SUDARE AIUTA A STAR MEGLIO

Conservare una memoria di ferro anche in vecchiaia potrebbe dipendere da quanto sudore si perde da giovani. Parola dei ricercatori del Sunnybrook Research Institute di Toronto che hanno presentato durante la recente Conferenza internazionale dedicata alla malattia di Alzheimer un indicatore innovativo per prevedere lo stato di salute futuro del cervello e il rischio di declino cognitivo. La tecnica fornisce la misura di quanta acqua la persona perde durante lo sforzo fisico: si chiama spesa energetica per l'attivita' (AEE) che equivale al 90% della spesa energetica totale dal quale si sottrae il tasso metabolico a riposo, ovvero quel dispendio costante anche in assenza di movimento fisico.

La misura e' stata sperimentata su 197 soggetti con un'eta' media 74,8 anni che non presentavano problemi di mobilita' o cognitivi quando la ricerca e' iniziata, tra il 1998 e il 1999. Gli scienziati, guidati da Laura Middleton e il cui studio e' pubblicato su Archives of Internal Medicine, hanno rilevato il livello di funzione cognitiva. Normalizzati i dati in basa ai dati anagrafici, la massa magra, la durata del sonno e altre patologie pregresse, i ricercatori hanno concluso che gli individui che avevano perso piu' acqua, sintomo di un metabolismo piu' attivo, avevano benefici cerebrali piu' evidenti.

2 commenti:

dandelion67 ha detto...

...davvero interessante The Crow...ti ringrazio per questa illuminante notizia...come sempre sei fonte per me di conoscenza e informazione...un raggio di Sole invio a Te in Luce e calore nei toni caldi del tramonto..che giunga a Te in rassicurante abbraccio...serene ore..
dandelìon

the crow ha detto...

Grazie come semprissimo a te... felice continuazione :-)

Lettori fissi

Visualizzazioni totali