venerdì 6 novembre 2009

influenza suina: nuova influenza, due nuove vittime in Italia


Ancora vittime a seguito della pandemia di influenza A. Una bambina di 9 anni, affetta da gravi patologie neoplastiche e ricoverata nel reparto di Pediatria dell'ospedale Cardarelli di Campobasso è morta oggi a causa del virus A-H1N1.
A Mestre invece è deceduto un uomo di 55 anni, veneziano, ammalato di influenza H1N1 e ricoverato in rianimazione dal 2 novembre scorso. Lo ha reso noto l'Ulss 12 di Venezia. Originario di Cavallino Treporti (Venezia), il paziente soffriva di leucemia linfatica cronica, bronchite cronica ostruttiva e da una decina d'anni era affetto anche da diabete.

FAZIO - E sull'andamento dell'influenza A in Italia è intervenuto nuovamente il viceministro alla salute Ferruccio Fazio. «La mortalità è maggiore nelle persone di oltre 50 anni perchè questa influenza si diffonde così facilmente che attacca tutti e attacca molto i giovani, che non hanno la memoria immunitaria. Quindi non sorprende sia così, l'importante è l'outcome finale e che il Paese sia preparato a gestire questi casi» ha dichiarato Fazio a margine dell'assemblea generale delle Istituzioni Sanitarie e Socio-Sanitarie dell'Aris (Associazione Religiosa Istituti Socio-Sanitari). «Oggi - ha continuato il viceministro - abbiamo una rete condivisa con le Regioni per la gestione dei casi gravi e per fare in modo che questo 30% di casi gravi nei giovani, di fatto, venga gestito correttamente. Con la fine del picco - ha proseguito ripetendo ciò che aveva già annunciato giovedì - cominceremo con calma a raccomandare la vaccinazione a tutti per evitare una seconda ondata di influenza, l'anno prossimo. Ricorderete che sia la spagnola sia l'influenza del 1968, colpirono in maniera forte nella seconda ondata, sempre più pericolosa della prima. Oggi abbiamo gli strumenti, che sono i vaccini, e dobbiamo evitarla».

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali