sabato 27 febbraio 2010

LAMBRO: ONDA NERA PER DECENNI IN CATENA ALIMENTARE


Pur se si riuscira' a fermare la gran parte della massa oleosa ad Isola Serafini ''l'onda nera che sta gia' invadendo la catena alimentare degli ecosistemi lungo i fiumi colpira' indirettamente molti piu' animali e ambienti di quelli imbrattati dagli idrocarburi in questi primi giorni''. Lo afferma il Wwf che definisce, comunque, ''importante'' l'esser riusciti, comunque, a fermare una buona parte degli idrocarburi sversati. ''Ma la situazione e' tutt'altro che sanata. - ha messo in guardia Stefano Leoni, presidente del Wwf Italia - Il danno ormai e' stato fatto e se anche passasse solo il 10% della quantita' di idrocarburi sversata, le conseguenze dureranno per decenni in zone di estrema delicatezza ambientale''. Per questo la associazione ambientalista ha chiesto che inizi da subito un'accurata opera di bonifica, visto che, si precisa, le sostanze tossiche vengono assorbite dai tessuti di crostacei, molluschi, plancton di cui si nutre la maggior parte dei pesci e delle 400 specie di uccelli acquatici che popolano il delta del Po. Un numero, stima il Wwf, quntificabile in 100.000 uccelli acquatici nella sola area a rischio, ma che puo' arrivare a picchi di 400.000-500.000 se si contano anche gli uccelli non acquatici che gravitano intorno all'ecosistema.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali