lunedì 22 marzo 2010

CELLULE STAMINALI ANZIANE RINGIOVANISCONO

Come tutte le altre cellule anche quelle staminali, invecchiando, perdono le loro funzioni.

All'Howard Hughes Medical Institute (Mariland, Stati Uniti) alcuni scienziati sono pero' riusciti a rendere reversibile questo processo di decadimento: dello studio, pubblicato online su Nature a firma di Amy J. Wagers, principale autrice della ricerca, da' notizia Biotech.com, la newsletter di Assobiotec (Associazione italiana per lo sviluppo delle biotecnologie).

I ricercatori hanno osservato che nel topo anziano l'esposizione prolungata al sangue di topi giovani determina il ringiovanimento del comportamento delle cellule staminali del midollo osseo. Anche se non sono stati ancora isolati i fattori che determinano l'innescarsi di questo meccanismo, la ricerca mostra l'esistenza di questa possibilita' e apre la strada, in futuro, all'individuazione del metodo per rendere potenzialmente ''immortali'' le cellule staminali, e, di conseguenza, aumentare la resistenza degli esseri umani alla malattia e al decadimento dovuto all'invecchiamento. Il processo coinvolge gli osteoblasti, responsabili della formazione della matrice ossea, e il fattore di crescita IGF-1. Sembra infatti che la rimozione dell'ormone IGF-1 da colture di osteoblasti sia la chiave del ringiovanimento di tali cellule, e delle ematopoietiche prodotte

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali