mercoledì 10 marzo 2010

pidocchi: Nuovo metodo anti-pidocchi

Un nuovo rimedio per l’eliminazione dei pidocchi, basato sull’applicazione di una lozione al cinque per cento di alcool benzilico, viene proposto sulla rivista Pediatric Dermatology da un gruppo di ricercatori di Miami, in Florida, guidati da Terri Meinking. Al momento, per tentare di eliminare questo fastidiosissimo ospite dei capelli dei bambini, ma talvolta anche degli adulti, si fa ricorso a trattamenti a base di farmaci ad applicazione locale, come la permetrina e il malathion che i genitori tuttavia hanno una certa resistenza ad applicare sulla testa dei bambini tutte le volte che c’è una reinfestazione (molto frequente) perché si tratta di insetticidi basati su un meccanismo d’azione neurotossico. Senza contare il fatto che con trattamenti ripetuti spesso questi farmaci perdono di efficacia. Finora l’alternativa al trattamento farmacologico è quella di mettere sulla testa dei bambini un comune balsamo per capelli, che «frena» i movimenti dei pidocchi consentendo di acchiapparli uno per uno, però poi bisogna anche sfilare le uova che altrimenti si aprono circa una settimana dopo la deposizione, facendo ripartire l’infestazione. Un lavoro abbastanza lungo da ripetere nel tempo, con costanza.

IL NUOVO TRATTAMENTO - Il nuovo trattamento proposto, invece è basato sull’alcol benzilico, una sostanza che non agisce attraverso meccanismi neurotossici, ma semplicemente asfissiando i pidocchi perché va a infilarsi nelle loro minuscole aperture respiratorie. Questo obiettivo si è tentato di raggiungerlo anche con mezzi casalinghi, come la maionese o l’olio di oliva, ma senza successo. Infatti, il pidocchio, quando gli arrivano addosso questi composti oleosi, chiude automaticamente le sue aperture respiratorie, per riaprirle quando i capelli sono stati risciacquati. L’alcol benzilico, però, impedisce la chiusura di queste aperture e il pidocchio così soffoca. Il trattamento va ripetuto dopo una settimana quando si sono schiuse tutte le uova, così vengono soffocati anche i nuovi nati.

LE VERIFICHE - Il prodotto, già approvato dall’FDA americana, ha dimostrato la sua efficacia in due ricerche realizzate attraverso trial randomizzati e controllati. Gli autori della ricerca, che non hanno dichiarato conflitti di interesse, appartengono a due diverse associazioni, la Global Health Associates of Miami (un istituto che realizza ricerche a livello internazionale soprattutto in ambito dermatologico), e il Women United in Justice Edication and Reform, sempre di Miami, dedicato all’aiuto alle famiglie e che non riceve fondi dall’industria. Durante la sperimentazione di questo prodotto, è stata osservata in circa il cinque per cento dei casi la comparsa di una lieve irritazione alla pelle, oppure agli occhi, che però possono essere protetti durante l’applicazione, specie se si trattano bambini molto piccoli.
fonte:corriere.it

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali