giovedì 3 marzo 2011

INQUINAMENTO MARINO: MAR ADRIATICO PATUMIERA NATO

Spiagge di sabbia, mare dolce e affascinanti porticcioli turistici: la costa adriatica in Italia può essere descritta come un paradiso per gli amanti del mare. Tuttavia, pochi sono consapevoli del fatto che tonnellate di rifiuti tossici smaltiti dalla NATO vengono accatastati sotto la sua sfavillante superficie. Secondo il giornalista investigativo Gianni Lannes, gli spruzzi d’acqua che si frangono sulla costa della regione meridionale italiana della Puglia nascondono pericoli reali.

«Una quantità enorme di armi e rifiuti tossici è presente in queste acque: le bombe americane degli anni ’40, e le armi utilizzate dalla NATO nella guerra del 1999 contro la Serbia, tra cui munizioni all’uranio impoverito», ha detto. «Queste armi contengono spesso sostanze tossiche, come lo zolfo, “gas mostarda” e fosforo».

I pescatori locali dicono che la presenza di armi della NATO sta seriamente avvelenando le loro vite, e costituisce una minaccia per l’ecosistema locale.

«Ci sono aree in cui queste bombe s’impigliano nelle nostre reti»“, ha detto un pescatore locale, Vitantonio Tedeschi. «Cerchiamo di evitarle. Dopo la guerra, nel 1999, i pesci sono praticamente scomparsi dalle nostre acque territoriali», ha aggiunto. «I prodotti chimici hanno rovinato la nostra salute, anche provocando eruzioni cutanee, visione offuscata e così via».

I pescatori hanno dovuto abbandonare il lavoro a causa della scarsità di pesce. La cooperativa di pesca nella cittadina balneare di Molfetta, che una volta era composta da quasi 200 soci, ora ne ha solo cinque. Sebbene la NATO dica che ci sono sei aree contaminate lungo la costa adriatica, Lannes afferma che questa è solo la punta dell’iceberg. «La NATO sta mentendo, 24 aree sono interessate, non sei – ha detto -. La posizione di queste aree non è stata ancora resa pubblica. La popolazione viene tenuta all’oscuro».

I ripetuti tentativi di Lannes di sollevare il problema in Italia con il Ministro della Difesa non hanno portato a nulla. Il portavoce militare Usa, colonnello Greg Julian, sostiene che l’esercito americano fa del suo meglio per eliminare tutte le armi pericolose a conclusione delle sue campagne militari. «Noi facciamo tutto il possibile, prima di tutto, per rispettare il diritto ambientale quando eseguiamo qualsiasi operazione o esercitazione militare», ha detto. «A seguito delle operazioni di lancio a mare, durante la campagna in Kosovo, abbiamo eseguito le operazioni di pulizia e fatto tutto il possibile per eliminare i pericoli».

Tuttavia, Gianni Lannes ritiene che la NATO non abbia ancora ammesso le proprie reali responsabilità. «Ci deve essere un compenso economico per le popolazioni colpite – ha dichiarato -. L’Europa, la NATO e, soprattutto, gli Stati Uniti devono essere ritenuti responsabili»..

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali