mercoledì 17 agosto 2011

PUNTURE DI ZANZARE: SPESSO BASTA GHIACCIO

Bambini ed estate, una relazione pericolosa. Tante ore passate all'aria aperta, spesso lontano dagli occhi di mamma e papa'. Niente paura: basta attrezzarsi e sapere prima come affrontare alcuni piccoli fastidi, imparando a riconoscere gli Sos che si risolvono da soli da quelli che hanno davvero necessita' dell'intervento del medico. Per esempio, cosa fare quando il piccolo viene punto da un insetto? In soccorso dei neogenitori, ma non solo, arriva il libro ''Aiuto, mio figlio ha ingoiato un bottone'' (Edizioni Giunti, euro 9,50), una rassicurante guida di Lara Zibners, specializzata in pediatria d'urgenza, da leggere tutta d'un fiato se il bebe' e' in arrivo o tenere a portata di mano quando c'e' qualcosa che non va.

Se il nemico estivo e' la zanzara, ad esempio, basta sapere che ogni bimbo reagira' in modo diverso. Alcuni sopportano punture a ripetizione senza lamentare problemi particolari, altri si coprono di ponfi, si grattano e hanno dolore. Senza allarmarsi troppo, ''basta provare con un impacco freddo e un antistaminico'', suggerisce la pediatra. Ben altro atteggiamento si deve tenere se a gonfiarsi sono labbra e lingua, se il bambino respira male e a fatica, se sembra disorientato e confuso. In questo caso, dice Zibners, sempre meglio chiamare il 118.

1 commento:

dandelion67 ha detto...

....buono a sapersi..l'esempio del ghiaccio è un ottimo antidoto...grazie the crow...manuale da consigliare sicuramente...passo ad inoltrare...un raggio di Sole per un sereno divenire del giorno..a presto..
dandelìon

Lettori fissi

Visualizzazioni totali