mercoledì 21 settembre 2011

squalamina : DENGUE ED EPATITI, DALLO SQUALO LA SOSTANZA ANTIVIRALE

La squalamina presente nel fegato degli squali e' in grado di contrastare le infezioni dovute ai virus della febbre gialla, della febbre dengue e di alcuni tipi di epatiti come la B e la D, che possono causare insufficienza epatica e cancro. E' quanto emerge da uno studio pubblicato su Pnas da un gruppo di studiosi della della Georgetown University (Stati Uniti) guidati da Michael Zasloff che hanno condotto esperimenti in laboratorio su colture cellulari e su modelli animali. La sostanza, scoperta nel 1993 dallo stesso Zasloff, e' gia' nota per gli effetti antitumorali e antibiotici e per non avere effetti collaterali se utilizzata sull'uomo.

Dagli squali una speranza per la salute umana. Proprio una sostanza chimica trovata nello Squalus acanthias, meglio noto come spinarolo, si è rivelata un'arma potente e sicura contro i virus che attaccano l'uomo. La ricerca, pubblicata su 'Pnas', è partita dalla potente l'immunitá naturale dello squalo contro le infezioni virali. È noto che questo pesce produce un composto chiamato squalamina, che utilizza per combattere i batteri.

VIRUS KILLER- Ora i test in laboratorio hanno rivelato che la squalamina è anche un buon candidato antivirale, capace di uccidere un ampio spettro di virus umani e animali. Non solo: la squalamina sintetica è già stata somministrata a un gruppo di pazienti all'interno di studi clinici per fermare la crescita dei vasi sanguigni nei tumori, senza che abbia provocato effetti collaterali importanti. Considerato il profilo di sicurezza e la facilità di produzione di questa sostanza, le ultime ricerche mostrano ora che potrebbe essere testata come nuovo trattamento di malattie virali come la Dengue e la febbre gialla, ma anche l'epatite, spiegano gli scienziati della Georgetown University Medical Center di Washington (Usa). Il loro lavoro, infatti, mostra che la squalamina interrompe le interazioni di membrana necessarie per la replicazione virale. Testata in coltura, la sostanza inibisce l'infezione delle cellule dei vasi sanguigni con il virus Dengue, e delle cellule di fegato con epatite B e D. Gli studi sugli animali hanno dimostrato inoltre che la squalamina blocca l'infezione controllata con febbre gialla, encefalite equina e citomegalovirus, e in alcuni casi gli animali contagiati sono guariti.

SISTEMA IMMUNITARIO EFFICACE - «Mi interessavano gli squali - spiega il ricercatore Michael Zasloff - a causa del loro sistema immunitario apparentemente primitivo, ma efficace. Nessuno poteva spiegare perchè lo squalo è così tosto». Ebbene, il segreto sembra proprio essere nella squalamina. Una sostanza con «ampie proprietà antivirali», che secondo il ricercatore è «estremamente interessante». «La squalamina sembra proteggere contro i virus che attaccano i tessuti del fegato e del sangue. Altri composti simili che sappiamo esistere nello squalo probabilmente sono mirati contro infezioni respiratorie virali, e così via. Potremmo essere in grado di sfruttare l'innovativo sistema immunitario dello squalo per trasformare tutti questi composti antivirali in agenti che proteggono gli esseri umani contro un'ampia varietà di virus. Sarebbe rivoluzionario». Infatti, se è vero che esistono già «molti agenti antibatterici, i medici hanno pochi farmaci antivirali per aiutare i loro pazienti». In ogni caso occorrono ulteriori ricerche per arrivare a testare questo nuovo candidato farmaco.

(Fonte: Adnkronos Salute)

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali