venerdì 9 ottobre 2009

lattoferrina: I neonati venuti alla luce prematuri o sottopeso che ricevono una proteina del latte sono meno a rischio di sepsi

I neonati venuti alla luce prematuri o sottopeso che ricevono una proteina del latte chiamata lattoferrina sono meno a rischio di sepsi, la risposta infiammatoria ad un'infezione che li espone, tra l'altro, a polmonite. A dirlo uno studio italiano pubblicato su JAMA che ha sperimentato la proteina da sola o in associazione con un probiotico.

Il merito e' delle proprieta' antibatteriche della lattoferrina, una glicoproteina che ostacola la moltiplicazione di una vasta gamma di batteri, funghi e virus. Quella di origine bovina ha un potere antimicrobico anche maggiore di quella umana e la sua azione, stando alla ricerca, puo' essere rafforzata dalla somministrazione combinata del probiotico Lactobacillus rhamnosus.

Gli scienziati hanno osservato che i tassi di infezione da funghi o batteri si riducevano dal 5,9% al 4,6%.

''Le infezioni - ricordano gli autori coordinati da Paolo Manzoni, dell'Ospedale Sant'Anna di Torino - sono la causa piu' comune di morte nei neonati prematuri''. La sepsi che si verifica nel periodo perinatale, subito prima o subito dopo la nascita, sono responsabili dell'insufficiente peso alla nascita nel 21% dei casi.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali