mercoledì 9 dicembre 2009

PREECLAMPSIA: EPARINA E ASPIRINA INSIEME PER COMBATTERLA

Si chiama PreSePe (Prevention of Second Preeclampsia) il primo trial italiano multicentrico, partito a inizi settembre, sull'efficacia dell'eparina frazionata associata ad aspirina a basse dosi contro l'aspirina da sola nel prevenire la preeclampsia ricorrente.

Lo studio coinvolge 10 importanti centri universitari italiani - con sede a Bologna, Ancona, Torino, Messina, Firenze, Como, Foggia e Roma - ed e' coordinato dal prof.

Sergio Ferrazzani, ginecologo del Dipartimento per la Tutela della salute della donna e della vita nascente del Policlinico universitario ''Agostino Gemelli''.

La preeclampsia e' una grave patologia/complicanza della gravidanza caratterizzata da diversi sintomi quali ipertensione arteriosa, gonfiore, perdite di proteine con le urine e nei casi gravi convulsioni, coma e morte. ''I disordini ipertensivi - spiega Ferrazzani - si presentano in Italia in circa il 4% delle gravidanze, mentre la preeclampsia nel 1-2%, con una maggior frequenza nella prima gravidanza. La frequenza di preeclampsia nella seconda gravidanza e' inferiore all'1% in donne normotese durante la prima gravidanza, mentre la ricorrenza di preeclampsia viene riportata al 15-18%. L'occorrenza di una preeclampsia severa nella precedente gravidanza porta il rischio di ricorrenza al 47%, e, se questa era comparsa nel 2* trimestre, aumenta al 65%''. Si tratta di numeri significativi molto piu' alti in altri Paesi come gli Stati Uniti (57%), la Svezia o l'Inghilterra. Le cause della patologia non sono note, ma uno dei meccanismi patogenetici della malattia sembra implicare la trombosi della circolazione utero-placentare.

Il protocollo sara' illustrato a Roma nel corso del Convegno Preclampsia 2009, che si svolge da oggi, mercoledi' 7 ottobre, a venerdi' 9 ottobre, presso l'aula convegni del Consiglio Nazionale delle ricerche di Roma.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali