venerdì 14 agosto 2009

influenza suina: nuova influenza la famiglia della prima vittima newyorkese chiede 40 milioni di risarcimento. Segue la situazione pandemica

La famiglia della prima vittima negli Stati Uniti dell'influenza A ha chiesto un risarcimento di 40 milioni di dollari alle autorità di New York. La moglie ed i tre figli di Mitch Wiener, il vice preside di una scuola del Queens morto a maggio dopo aver contratto il virus H1N1, hanno presentato ieri al tribunale di New York un ricorso contro la City Hall e le autorità sanitarie cittadine per non aver adottato misure più tempestive per evitare il contagio ordinando la chiusura di un numero maggiore di scuole.

Secondo quanto ha riportato l'emittente Cbs, la signora Wiener accusa la città di New York di essere stata negligente nell'avviare il piano di emergenza esponendo così il marito al contagio. "La città non ha fatto nulla di sbagliato" è stata la risposta del sindaco Michael Bloomberg, ricordando l'obbligo di mantenere le scuole aperte ed esprimendo alla famiglia tutta la sua solidarietà per la scomparsa di Wiener.

Il virus della nuova influenza A/H1N1 continua a espandersi nel mondo. In particolare, come rileva l'European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc) nel rapporto pubblicato quotidianamente online sulla diffusione del virus, sono in totale 221.829 le persone infettate e 1.906 i decessi.

Nelle ultime 24 ore i contagi sono stati 835 in Europa (per un totale di 35.860 casi) e 1.313 nel resto del mondo (185.969 casi complessivi).
Continua ad aumentare il numero degli infetti in Germania (503 nelle ultime 24 ore) che raggiunge 11.103 casi, preceduta solo dalla Gran Bretagna che con 12.470 casi si conferma il paese piu' colpito d'Europa.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali