giovedì 27 agosto 2009

RU486: E' INNATURALE COME OGM E CONSERVANTI

''Non si capisce davvero come chi fa campagne contro l'inquinamento elettromagnetico, legge le etichette per evitare conservanti e coloranti, e' attratto e magari segue pratiche mediche 'naturali', anche a prescindere da qualsiasi valutazione morale - che in questo caso peraltro e' di portata decisiva - non faccia una piega all'idea di sottoporre il proprio organismo a un bombardamento ormonale di portata letteralmente micidiale''. Lo scrive, a proposito della pillola abortiva RU486, il direttore di Avvenire Dino Boffo, in risposta alla lettera di una lettrice del suo giornale.

La 'innaturalita'' del processo innescato dalla pillola, per Boffo, e' un ''motivo supplementare per ribadire una contrarieta' che e' innanzitutto morale, perche' nulla puo' oscurare il fatto che una vita umana viene cancellata, ma che e' anche semplicemente razionale perche' si tratta di uno strumento che sotto un'apparenza discreta e' viceversa gravido di pesanti conseguenze, sia fisiche che psicologiche''.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali