domenica 8 novembre 2009

influenza suina: nuova influenza Sale a 32 il bilancio delle vittime da influenza A in Italia


Il ministro della pubblica istruzione MAria Stella Gelmini smentisce un allungamento del calendario delle vacanze natalizie per la pandemie e non si vaccina: sono sana e non a rischio. Polemiche sui vaccini. A Roma due medici contagiati, ma tra il personale sanitario rimanela diffidenza sui vaccini. Due bambini, con altre patologie;, stroncati a 8 e 4 mesi dalle complicazioni del virus

Sale a 32 il bilancio delle vittime da influenza A in Italia dopo i decessi di due bambini di 8 e 4 mesi, già affetti da altre patologie, per le complicanze provocae dal virus e di altri due anziani a Torino e a Napoli. “L’epidemia influenzale e nel pieno della sua azione: almeno 800 mila italiani si sono ammalati, di questi 200mila bambini sotto i 14 anni”: è il bilancio dell’epidemiologo Donato Greco dell’Istituto superiore di sanità, indicato dal ministero della Sanità come consulente per l’influenza A in Campania. A Roma, intanto, sono stati ricoverati due medici di base che, non vaccinati, avrebbero contratto il virus dai pazienti.

SALE BILANCIO VITTIME ITALIANE, PIU’ PICCOLA HA 8 MESI: E’ la più piccola vittima a causa dell’influenza A finora registrata in Italia la bimba di 8 mesi morta questa mattina e ricoverata da ieri all’ospedale Cardarelli di Napoli. La causa del decesso è una polmonite bilaterale gravissima. Ma oggi si è avuto anche il decesso di un anziano a Torino: è uno dei quattro ricoverati all’ospedale Molinette per influenza A. L’uomo, di 75 anni, era già in fase terminale per un mieloma. Una trentenne, da alcuni anni trapiantata di cuore, risultata positiva al virus H1N1, ha invece partorito nella giornata di ieri un bambino sano, a Firenze, nell’ospedale Careggi. Neomamma e bambino sono in buone condizioni.

MUORE BIMBO 4 MESI A NAPOLI, DISPOSTA AUTOPSIA: E’ stata disposta l’autopsia su un bimbo di quattro mesi morto all’Ospedale Annunziata di Napoli. Accertamenti sono in corso per stabilire se fosse affetto dal virus dell’ influenza A.

NO A VACCINO DA 80% INFERMIERI E 44% MEDICI: Ma in Italia, l’80% degli infermieri e il 44% dei medici non si vaccinerebbe contro l’influenza A/H1N1, anche se il 70% degli operatori sanitari pensa che siano proprio queste le categorie da vaccinare per prime. E’ quanto emerge da un sondaggio online condotto dalla sezione di Medicina Clinica e Sanità Pubblica dell’Università di Roma La Sapienza.

A ROMA RICOVERATI DUE MEDICI, CONTAGIO DA PAZIENTI: Due medici di base sono stati ricoverati ieri per l’influenza A negli ospedali Riuniti di Anzio-Nettuno, dove lavorava il tecnico di radiologia morto a Roma dopo avere contratto il virus. Secondo quanto si è appreso, i medici, non ancora vaccinati, avrebbero contratto il virus dagli stessi pazienti. Sempre a Roma, un detenuto proveniente dal carcere di Rebibbia è stato ricoverato oggi al Policlinico Umberto I dopo essere risultato positivo al virus H1N1. “Il rischio, nelle carceri, è che non si stia facendo niente per le vaccinazioni, dove ci sono persone a rischio, tra i quali diversi sieropositivi. Questo ci preoccupa”, ha detto il direttore generale del Policlinico Umberto I di Roma Ubaldo Montaguti.

VERONESI, BENE GOVERNO SU GESTIONE PANDEMIA: Sulla gestione dell’influenza A “il governo italiano si sta comportando bene”. E’ positivo il giudizio dell’oncologo Umberto Veronesi sui metodi e le strategie per contrastare il virus pandemico. “Tutte le pandemie vanno seguite navigando a vista, ovvero cercando di seguire come si sviluppa - spiega in proposito Veronesi - perché molte pandemie come l’aviaria, iniziano e spariscono da sole, mentre altre, che sembrano poco gravi, sono invece subdole ed esplodono improvvisamente”. Nel complesso, conclude, “questa è un’influenza abbastanza singolare, che colpisce i giovani anziché i vecchi, ed è molto contagiosa, più delle comuni influenze, anche se per fortuna raramente è letale”.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali