venerdì 29 gennaio 2010

ENERGIA RINNOVABILE: LE ISOLE EGADI ANDRANNO A ENERGIA PULITA

Quello delle Egadi sara' il primo arcipelago a basse emissioini di CO2. Il progetto ''Sole e stelle delle Egadi'', infatti, realizzato da AzzeroCO2 per il Comune di Favignana (TP) e le sue tre isole, ha ottenuto un finanziamento di 1.165.000 euro sui 4 milioni complessivi disponibili del bando ''Fonti rinnovabili, risparmio energetico e mobilita' sostenibile nelle isole minori'' (d.d.prot. Dsa-dec-2008-11 dell'11.1.2008) del Ministero dell'Ambiente.

Gli obiettivi del progetto ''Sole e stelle delle Egadi'' sono di favorire, nel territorio delle tre isole siciliane, Favignana, Levanzo e Marettimo, la diffusione delle energie rinnovabili e promuovere tecnologie per l'efficienza e la mobilita' sostenibile che porteranno ad un risparmio energetico di circa 5.700.000 kWh elettrici all'anno e dal conseguente abbattimento delle emissioni di CO2 del 36% rispetto al livello attuale.

Il progetto realizzato da AzzeroCO2 prevede uno sviluppo delle rinnovabili a basso impatto territoriale sulle tre isole dell'arcipelago. L'importo complessivo delle opere previsto dal piano e' di 6.000.000 di euro e verra' coperto per l'80% da privati (Finanziamento Tramite Terzi - FTT, Esco) e altri partner finanziari. Verranno utilizzate diverse tecnologie: impianti fotovoltaici e solari termici integrati nell'architettura del luogo e nel paesaggio per edifici pubblici e privati; generatori a oli vegetali con motori con potenza di circa 100 kW; un progetto di mobilita' sostenibile che prevede biciclette a pedalata assistita, motorini elettrici, colonnine e pensiline fotovoltaiche per la ricarica dei mezzi; un intervento sull'illuminazione pubblica che sostituira' le lampadine esistenti con nuove lampade a LED senza modificare la morfologia dei lampioni; infine, un progetto di forestazione del Bosco di Favignana. Verranno, inoltre, proposti e organizzati Gruppi d'Acquisto Solidali (GAS) di tecnologie rinnovabili per i cittadini delle tre isole.

Il sistema degli interventi proposti produrra' una serie di effetti positivi a livello locale come l'abbattimento dei costi di approvvigionamento energetico, l'ammodernamento del sistema energetico delle tre isole e la riduzione delle emissioni climalteranti e dell'inquinamento locale, la sensibilizzazione dei residenti stabili e di quelli stagionali, oltre alla creazione di nuove professionalita' e all'aumento dell'occupazione.

Tutti i settori economici locali verranno coinvolti nella realizzazione degli interventi: il settore turistico, i soggetti gestori della generazione e distribuzione dell'energia (che verranno formati per l'installazione e la manutenzione degli impianti), il settore commerciale, le ESCO come soggetti finanziatori, la Provincia con interventi diretti e la partecipazione ad un progetto di studio per il riuso degli oli esausti e la Soprintendenza per la definizione congiunta dei criteri per lo sviluppo di ulteriori iniziative di salvaguardia del territorio.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali