giovedì 8 luglio 2010

Alimenti : EUROPARLAMENTO DICE NO A CIBO DERIVATO DA ANIMALI CLONATI


I deputati europei dicono no al cibo derivato da animali clonati. L'europarlamento ha rinnovato il suo appello al divieto della commercializzazione di alimenti derivati da animali clonati in una votazione di mercoledi' per una legislazione sui nuovi alimenti, invocando inoltre una moratoria sui cibi prodotti grazie all'uso di nanotecnologie fino a quando possano essere esclusi eventuali rischi per la salute.

L'uso di nuovi cibi - derivati da processi di produzione innovativi o tradizionalmente consumati solo fuori dall'Unione europea - e' regolamentato gia' dal 1997. Il Parlamento europeo ha approvato una serie di emendamenti tesi a rinnovare la normativa vigente, in particolare l'introduzione di una procedura semplificata di autorizzazione, sottoposta a una valutazione dei rischi eseguita dall'Autorita' europea per la sicurezza alimentare.

I deputati hanno anche espresso la loro preoccupazione riguardo al consumo di alimenti derivati da animali clonati e all'uso di nanotecnologie.

Attualmente, non esiste una normativa europea che autorizzi o vieti prodotti lattiero caseari e carne provenienti da animali clonati. Invece di disciplinare tali prodotti in base alle norme sui nuovi alimenti, come sostenuto dalla Commissione e dal Consiglio, i deputati insistono sul fatto che la nuova legislazione europea dovrebbe espressamente vietare tutti il cibi derivati da animali clonati e dalla loro progenie, e chiedono una moratoria sulla vendita, in attesa che tale normativa entri in vigore.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali