giovedì 22 luglio 2010

TUMORE AL SENO: FARMACI 'INTELLIGENTI' CONTRO STAMINALI NEOPLASTICHE

Individuate sostanze in grado di inibire la proliferazione delle cellule staminali tumorali della mammella arrestando la crescita del tumore: la scoperta e' stata effettuata dai ricercatori dell'Istituto Nazionale Tumori Regina Elena di Roma in collaborazione con ricercatori dell'Universita' Magna Graecia di Catanzaro. Lo studio, pubblicato su Cell Cycle, sottolinea anche l'''intelligenza'' dei principi attivi realizzati, in grado di ''colpire'' le cellule tumorali lasciando intatto il tessuto sano circostante.

''Le cellule staminali tumorali sono cosi' chiamate perche' somigliano alle staminali somatiche in quanto hanno la capacita' di rigenerarsi - spiegano i ricercatori dell'Istituto Regina Elena coinvolti nello studio -.

Tuttavia, mentre le cellule staminali somatiche servono a ricostituire i tessuti durante tutta la vita di un individuo, le cellule staminali tumorali riformano il tumore''. Le staminali tumorali sono considerate le responsabili delle recidive del cancro, e sono resistenti a chemioterapia e radioterapia. I ricercatori hanno testato piu' di 200 composti, naturali e sintetici, con l'obiettivo di identificare dei principi attivi capaci di inibire in modo specifico la proliferazione delle staminali tumorali. Gli studiosi hanno condotto lo studio in due fasi, spiega Mario Cioce dell'Istituto Regina Elena: ''In un primo screening siamo andati a cercare la specificita' di azione di questi composti sul tessuto tumorale, mentre nel secondo siamo andati a cercare sostanze che non danneggiassero anche le cellule sane''.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali