domenica 22 maggio 2011

CENTRALI NUCLEARI IN ITALIA: CATENE UMANE PER DIRE SI' AL REFERENDUM. Smantellamento della centrale nucleare a Caorso, la paura della CRIMINALITà

''Gli italiani non vogliono il nucleare e la partecipazione alle manifestazioni di oggi ne e' stata l'ennesima, chiara dimostrazione, che conferma il segnale arrivato dalla Sardegna lunedi' scorso. Nella consultazione sul nucleare in Sardegna, infatti, il 97% degli elettori si e' pronunciato nettamente contro l'installazione di centrali atomiche nell'isola e contro l'allestimento di depositi di scorie nucleari. La maggioranza di governo ha paura di dare la parola ai cittadini, perche' sa bene che la maggioranza degli italiani la pensa come i cittadini sardi''.

Lo ha dichiarato oggi a Caorso il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, dalla catena umana organizzata dal Comitato 'Vota Si' per fermare il nucleare' proprio alla vigilia della discussione alla Camera sul decreto Omnibus con il quale s'intende annullare il quesito referendario sull'atomo.

Quella dell'Emilia Romagna e', infatti, una delle dieci catene umane che hanno circondato vecchi siti nucleari e luoghi candidati a ospitare nuovi impianti: Caorso (Piacenza) ma anche Saluggia (Vercelli), Chioggia (Venezia), Monfalcone (Gorizia), Montalto (Viterbo), Termoli (Campobasso), Nardo' (Lecce), Scanzano Jonico (Matera), la foce del fiume Sele (Salerno) e Palma di Montechiaro (Agrigento).




Intanto oggi duemila persone hanno manifestato contro l'ipotesi - mai smentita - della costruzione di un nuovo reattore. Una catena umana dal paese fino all'impianto in decommissioning

Caorso si mobilita contro il nucleare, oltre duemila persone per la catena umana tra la centrale ed il centro cittadino. In provincia di Piacenza il tema dell’atomo è ancora di piena attualità con una centrale nucleare, Arturo reattore di Caorso, in pieno decommissioning e la possibilità mai smentita di poter vedere realizzare ancora una volta in territorio piacentino una nuova centrale.

Ma i piacentini, questo è certo, non ci stanno e per la seconda volta in un mese sono scesi in piazza e hanno invaso pacificamente il piccolo borgo di Caorso, lembo silenzioso tra Emilia e Lombardia, per opporsi al ritorno al nucleare nell’area simbolo di quello che negli anni Settanta doveva aspirare a diventare il reattore più potente d’Europa.

Duemila persone in piazza, quindi, che hanno creato una fiumana di collegamento per due chilometri e mezzo tra la centrale e la piazza del Comune sotto la regia del coordinamento anti nucleare e Legambiente, ma anche molti partiti: dal Pd all’Italia dei valori sino al Sel e gli assessori regionali Sabrina Freda, Paola Gazzolo e Giancarlo Muzzarelli.

Ma, anche se Piacenza non dovesse essere inserita nel piano del Governo per la realizzazione di nuove centrali nucleari, a che punto è il decommissioning, ovvero lo smantellamento dell’impianto di Caorso?

A quanto pare in pochi lo sanno, questo perché sono già due anni che non viene convocato il Tavolo della Trasparenza, organo che si riunisce a chiamata della Provincia di Piacenza proprio a Caorso e che vede come interlocutori la Regione, i sindacati, il Comune che ospita Arturo e la Sogin, la controllata del ministero delle Finanze che si occupa della gestione gli impianti nucleari.

Ma da quando l’amministrazione provinciale ha cambiato colore (dopo cinquant’anni di centrosinistra, nel 2009 in viale Garibaldi siede il centrodestra) il Tavolo della Trasparenza non si è più convocato nonostante le passate giunte – dall’inizio dei lavori di smantellamento nel 2002 – adottavano la buona prassi di far sedere attorno al Tavolo della Trasparenza le parti almeno una volta l’anno per avere resoconti dettagliati su quanto stava accadendo all’interno della centrale, con la delicata opera di smantellamento in corso.

Un impegno, quello del decommissioning, che negli anni – tra ritardi e inchieste – ha avuto anche tinte fosche e ombre di infiltrazioni mafiose.

Recentemente, infatti, alcuni tir della società Eco. Ge. sono stati fotografati all’interno della Sogin di Caorso, la società che si occupa del decommissioning della centrale nucleare. Ma di cosa si occupa la Eco. Ge.?

Secondo una relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia (2° vol.- 2° semestre 2002) l’imprenditore titolare della Eco.Ge, Gino Mamone, sarebbe finito più volte nel mirino degli inquirenti principalmente per reati ambientali legati allo smaltimento dei rifiuti; di recente anche la Guardia di Finanza, nelle sue indagini sui Mamone del 2007- 2008, avrebbe ribadito come Gino Mamone sia stato segnalato per i suoi legami con la cosca della ‘ndrangheta calabrese dei Mammoliti e come dalle telefonate intercettate emergano i rapporti con Vincenzo Stefanelli, esponente della criminalità organizzata di stampo mafioso, titolare di un’impresa edile.

Il nucleare da fare o da smantellare, insomma, non fa di certo dormire sonni tranquilli.

FONTE: http://www.ilfattoquotidiano.it/

ARTICOLI CORRELATI:

C H E R N O B Y L

ELENCO INCIDENTI NUCLEARI DI CUI SI HA NOTIZIA

CENTRALI NUCLEARI : Scajola ha appena firmato un accordo di cooperazione PER COSTRUIRE CENTRALI NUCLEARI NON SICURE!!!!!!!!

Centrali nucleari in Italia: oltre alla ricerca dei siti per le nuove centrali ora si dovrà risolvere il problema delle scorie

UMBRIA E MARCHE NON LE VOGLIONO

SCORIE NUCLEARI: scorie nucleari italiane Neppure lo Utah LE vuole

NUCLEARE IN ITALIA: Nucleare fermo in commissione

centrali nucleari : GOVERNO USI CARRARMATI PER ENTRARE IN PUGLIA

CENTRALI NUCLEARi: GREENPEACE DIFFONDE MAPPE. POCHI TERRITORI ADATTI A CENTRALI intanto infuria la polemica anche sulle scorie

Mappa del nucleare in Italia

scorie nucleari :Yucca Mountain a rischio deposito nucleare Usa

NUCLEARE: CENTRALI NUCLEARI IN ITALIA IL GOVERNO PERSEVERA NELLA FOLLIA ANTIECONOMICA

Chernobyl :Due esplosioni, una dietro l’altra, la notte del 26 aprile 1986

NUCLEARE: CENTRALI NUCLEARI IN ITALIA ? I futuri impianti atomici italiani sorgeranno accanto a quelli storici?

NUCLEARE : BASILICATA E' CONTRARIA

NUCLEARE: Chernobyl PARCO NATURALE DEGLI ORRORI PER ANIMALI ED INSETTI

NUCLEARE IN ITALIA ?

ENERGIA NUCLEARI: LE RAGIONI DEL SI....

Nucleare: Rubbia, futuro solo qui in ITALIA ...

NUCLEARE: FARA' AUMENTARE LE BOLLETTE

IL NUCLEARE DI TERZA GENERAZIONE è IL PIù PERICOLOSO

NUCLEARE: INTESA BERLUSCONI SARKOZY ....... a nome di chi???

NUCLEARE: REALACCI, CON DENARO ITALIANI BERLUSCONI FA REGALO A FRANCIA

NUCLEARE: REATTORI MOLTO PIU' SICURI ???

NUCLEARE: PIEMONTE :"INVESTIAMO SU ENERGIE RINNOVABILI"

nucleare : SARDEGNA NIENTE CENTRALI

NUCLEARE : LA TOSCANA DICE NO

NUCLEARE : Regione Umbria fa ricorso contro le norme sulla costruzione degli impianti nucleari.Segue il ricorso di Calabria, Emilia Romagna, Liguria, Piemonte e Toscana.

CENTRALI NUCLEARI IN ITALIA: mappa delle centrali pronta entro primavera. E su internet scatta il “toto” sito

centrali nucleari in italia: ecco i siti delle nuove centrali nucleari. Enel smentisce

LA REGIONE BASILICATA VIETA PER LEGGE LE CENTRALI

centrali nucleari in Italia: Sicilia dice no

Bolletta salata per quelle vecchie scorie, l’Ue bacchetta l’Italia

centrali nucleari in Italia: UNA FOLLIA ENERGETICA!

centrali nucleari in Italia: 5 menzogne da smontare
scorie nucleari : Cinquanta comuni idonei per le scorie nucleari. Ecco la mappa dei siti possibiliL’Enel e il bluff sul nucleareL’Italia e il bidone nucleare

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali