giovedì 12 novembre 2009

INFLUENZA: LA 'REGOLA DELLE 3 " L" PER GUARIRE BENE. PER GUARIRE CONSIGLIATI 7 GIORNI DI CONVALESCENZA

Letto, lana, latte. Semplici e antiche, ma ancora efficaci: sono le regole da seguire per rimettersi in sesto dopo l'influenza. ''Sono le norme che i vecchi medici condotti consigliavano alle mamme apprensive alla prese con bambini influenzati - spiega Andrea Vania, docente di Pediatria dell'Universita' La Sapienza di Roma, Polo Pontino -, ma sono valide anche oggi''. E non valgono solo per i bambini, spiega lo specialista. ''Letto'' significa ''riposo totale'': ''I bambini con la febbre possono guardare la tv, stare a letto o sul divano, ma non devono assolutamente fare giochi agitati e scalmanarsi.

Devono riposarsi'', spiega il pediatra. ''Lana'' sta per ''stare al caldo''. Quanto al latte, ''e' un consiglio generale che indica che durante l'influenza bisogna assumere liquidi per non disidratarsi''. In particolare per quanto riguarda specificamente il latte, pero', ''nel caso di complicazioni intestinali come la diarrea - precisa il pediatra - per 12-24 ore e' meglio evitare di berlo perche' e' poco digeribile, a meno che non sia quello ad alta digeribilita' con basso contenuto di lattosio''.

Almeno 5 giorni, ma se si arriva a 7 e' meglio: dopo essere stati a letto a causa dell'influenza, tanto dovrebbe durare la convalescenza per poter ritornare a svolgere le attivita' quotidiane al meglio ed evitare di riammalarsi. A spiegarlo e' Andrea Vania, docente di Pediatria all'Universita' di Roma La Sapienza - Polo Pontino: ''Che sia influenza stagionale o pandemica, a causa della malattia l'organismo subisce una depressione immunitaria. Per tornare a svolgere le attivita' quotidiane il corpo deve recuperare, e per recuperare ha bisogno di una buona convalescenza''. Evitare di tornare a lavoro prima del tempo e, per quanto riguarda i bambini, ''sarebbe bene farli stare tranquilli per una settimana dopo l'influenza, evitando di riportarli subito a scuola e di reinserirli nelle loro attivita' pomeridiane extrascolastiche che, anche se sono un divertimento, risultano pur sempre impegnative''

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali