domenica 20 dicembre 2009

CLIMA: WWF, VARATO TESTO MEZZO CRUDO DAI CONTENUTI POCO CHIARI

I negoziati sul clima di Copenaghen sono stati a un passo dal fallimento totale e comunque hanno rappresentato una notevole delusione rispetto alle aspettative''. Dopo aver seguito i lavori ininterrottamente per tutta la notte e per gran parte della giornata odierna, il WWF osserva che ''la capacita' dei Paesi di abbandonare gli egoismi e agire insieme e' di gran lunga troppo debole per affrontare i pericoli del cambiamento climatico e questo espone il Pianeta a rischi immensi: bisogna reagire''.

''Copenaghen e' stato sull'orlo del fallimento a causa di una sfavorevole combinazione tra scarsa leadership, interessi nazionali e di potentissime lobby e basso livello di ambizione - ha detto Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF Italia, che ha seguito i negoziati a Copenaghen - impegni a parole, ma solo parzialmente sentiti, per proteggere il nostro Pianeta da un pericolosissimo cambiamento climatico, non sono sufficienti per affrontare una crisi che richiede modi completamente nuovi di collaborazione tra Paesi ricchi e Paesi poveri''.

I politici in tutto il mondo, in teoria, - prosegue - sembrano essere d'accordo che il riscaldamento globale deve rimanere al di sotto dei 2*C, limite cruciale per evitare gli impatti piu' disastrosi del cambiamento climatico. Ma in pratica gli impegni che i politici hanno messo sul tavolo portano a un aumento delle temperature di 3* C se non di piu', secondo le stime del WWF.

''Nella distanza che c'e' tra la retorica e la realta' dell'azione contro il cambiamento climatico, si trovano milioni di vite, centinaia di miliardi di dollari e un gran numero di opportunita' perse - ha aggiunto Mariagrazia Midulla del WWF Italia - .L'attenzione ora si spostera' sulle prossime fasi dei negoziati, che devono rilanciare la realizzazione dell' accordo, ma anche, su un versante positivo, sulla moltitudine di iniziative messe in campo da Paesi, citta', imprese e comunita' che stanno iniziando dalla base a costruire economie a basso contenuto di carbonio.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali