giovedì 7 agosto 2008

incidente in francia a tricastin 06-08-2008

(ANSA) - PARIGI, 6 AGO 2008 - Ancora la centrale nucleare del Tricastin, nel
sud della Francia, fa parlare di sé quest'estate per un incidente, anzi
un'anomalia: a luglio - ma si è saputo solo oggi - ci sarebbero state
troppe emissioni di scorie di carbonio 14 alla fabbrica Socatri (Areva)
sul sito in cui già quattro volte è scattato l'allarme. Lo ha
annunciato l'ASN, Autorità di sicurezza nucleare. Si tratterebbe, in
realtà, della prima anomalia in ordine temporale, essendo stata
appurata il 4 luglio, durante il trattamento delle scorie. In quella
fase, stando all'ASN, ci sarebbe stato "un superamento, per il mese di
giugno, del limite di rifiuti gassosi mensili di carbonio 14".


L'ASN,
pur classificando l'incidente all'ormai solito livello 1, il più basso
della scala che ne conta 8, ha "vietato alla Socatri qualsiasi attività
che generi scorie di carbonio 14 fino alla fine del 2008". Infatti, il
limite consentito per l'anno intero è già stato superato del 5%.


L'impatto
sull'ambiente e sulla popolazione sarebbe peraltro "molto debole".
Nella stessa fabbrica Socatri, la notte fra il 7 e l'8 luglio, c'era
stata una fuga di 74 chili di sostanze contenenti uranio. L'incidente
rivelato oggi è il quinto in un mese, dopo la lieve contaminazione del
23 luglio di cui hanno fatto le spese un centinaio di dipendenti della
centrale del Tricastin, le fughe radioattive del 7 luglio e quelle di
un'altra fabbrica di combustibili a Romans-sur-Isere, poco lontano ma
più a nord, il 18 luglio. Infine, il 21 luglio, 15 dipendenti su un
cantiere di manutenzione della centrale erano rimasti lievemente
contaminati.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali