sabato 16 maggio 2009

INFLUENZA SUINA:LA NUOVA INFLUENZA SI ALLARGA


Si allarga l'epidemia di influenza da virus A/H1N1 nel mondo. L'ultimo bollettino diffuso oggi dall'Organizzazione mondiale della sanità fa salire a 8.451 i casi di infezione confermati in 36 Paesi, 931 in più rispetto ai 7.520 di ieri. Il conteggio non include ancora il quinto decesso da nuova influenza annunciato in queste ore negli Usa dove un ragazzo di 30 anni che soffriva di altri problemi di salute è morto in Texas la settimana scorsa, ma soltanto ieri sera i test di laboratorio hanno confermato che era stato colpito dal virus.

Sono così diventati tre i morti per febbre suina nel Texas, Stato al confine con il Messico. Gli altri due decessi si sono verificati in Arizona, sempre al confine con il Messico, e a Seattle, nello stato settentrionale di Washington.

In Messico - riferisce l'agenzia ginevrina - si registrano in tutto 2.895 casi confermati, con 66 morti. In Canada 496 con una morte, e in Costa Rica 9 casi con un decesso.

Casi confermati, senza morti, sono segnalati inoltre in Argentina (1), Australia (1), Austria (1), Belgio (2), Brasile (8), Cina (4), Colombia (11), Cuba (3), Danimarca (1), Ecuador (1), El Salvador (4), Finlandia (2), Francia (14), Germania (14), Guatemala (3), Irlanda (1), Israele (7), Italia (9), Giappone (4), Paesi Bassi (3), Nuova Zelanda (9), Norvegia (2), Panama (43), Peru' (1), Polonia (1), Portogallo (1), Repubblica di Corea (3), Spagna (100), Svezia (2), Svizzera (1), Thailandia (2) e Regno Unito (78)

Un primo caso di influenza A/H1N1 e' stato confermato in Turchia. Lo ha reso noto l'agenzia Anadolu citando fonti sanitarie turche.Ad essere colpito dal morbo e' un uomo che proveniva dagli Usa. Intanto e' stato segnalato il primo caso di nuova influenza contratta direttamente in Giappone. Lo annuncia la tv Nhk.Uno studente di Kobe e' risultato positivo agli esami, afferma il ministero della Sanita.

Il vaccino contro la nuova influenza, che potrebbe di nuovo colpire nei prossimi mesi sotto forma di pandemia,potrebbe arrivare troppo tardi. L'Oms non ha ancora deciso infatti se suggerire alle aziende produttrici di convertire o meno la produzione del normale vaccino anti-influenzale in quello per il virus H1N1. E anche se l'Oms desse l'ok, il vaccino non arriverebbe in tempo e non prima di settembre, come spiega la rivista 'New Scientist'.

LEGGI ANCHE:

INFLUENZA SUINA: nuova influenza, più di una varietà dell'A/H1N1

influenza suina: Un grande affare per le case farmaceutiche. La strana natura del virus. I piani di emergenza Usa

INFLUENZA SUINA: NUOVA INFLUENZA: CANADA, COMPLETATA PRIMA SEQUENZA GENETICA VIRUS

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali