domenica 19 luglio 2009

INFLUENZA SUINA: NUOVA INFLUENZA ,in Inghilterra: possibili 65 mila morti in inverno e stop imbarchi aerei con i sintomi del virus


La nuova influenza si diffonde in Gran Bretagna e le autorità mediche avvertono che, nel peggiore dei casi, potrebbe causare la morte di 65mila persone quest'inverno. Il bilancio delle vittime è salito a 29 e 53 persone sono in ospedale in condizioni definite gravi, ma il numero dei casi confermati è di 55mila. La grandissima maggioranza delle persone infette ha una forma leggera della malattia e guarisce entro pochi giorni. Questo lo scenario che riguarda anche i circa cinquanta studenti italiani venuti in Inghilterra per studiare inglese che hanno contratto l'influenza. Il consolato d'Italia a Londra ha confermato che ai ragazzi è stato somministrato il tamiflu, il farmaco più indicato, e che le loro condizioni non destano preoccupazione.

E' allerta in tutto il Paese per la rapidità di diffusione dello "swine flu" e il Servizio sanitario nazionale sta registrando un forte aumento del numero di persone che si rivolgono ai medici perché hanno i sintomi della malattia. La settimana prossima scatterà il National Flu Service con qualche mese di anticipo rispetto alle previsioni. Si tratta di un servizio di emergenza che prevede l'utilizzo di duemila persone in più per rispondere alle chiamate, controllare i questionari online e intervenire quando è necessario. Chi ha i sintomi verrà autorizzato a ordinare i farmaci al telefono o via internet.

Gli esperti dicono che è impossibile prevedere l'evoluzione della malattia, ma che se continuerà a diffondersi come ha fatto finora un terzo della popolazione potrebbe esserne infetto nei prossimi mesi e il bilancio dei morti potrebbe aggravarsi. Le vittime, secondo il ministero della Sanità, potrebbero essere tra le 19mila e le 65mila. L'Organizzazione mondiale della Sanità ha definito l'epidemia di influenza la più contagiosa finora registrata. Le autorità mediche inglesi sottolineano però che in un normale inverno tra le 6mila e le 8mila persone muoiono di influenza, mentre nell'inverno 1999/2000 le vittime avevano raggiunto quota 21mila. Il paziente più illustre è Cherie Blair, moglie dell'ex premier britannico Tony Blair, che ha dovuto annullare una serie di discorsi e di impegni perché infetta dalla nuova influenza.

Il personale di British Airways a Virgin può bloccare l'imbarco di viaggiatori con sintomi di influenza. La notizia diffusa dalla stampa inglese e confermata dalle compagnie aeree arriva nel pieno delle vacanze-studio estive quando decine di migliaia di ragazzi da tutto il mondo incrociano il Regno Unito per corsi di inglese. È una precauzione nel tentativo di contenere un'epidemia che la Gran Bretagna calcola potrà portare a un numero elevatissimo di vittime soprattutto in autunno. Fino a 65 mila, ha ipotizzato il Governo, aggiungendo dosi di ansia al moltiplicarsi di allarmi che spaccano il paese. Mentre Ba e Virgin lanciavano il loro warning – i sospetti ammalati in realtà rischiano di essere bloccati anche nei paesi di destinazione e trattenuti in quarantena – l'esecutivo di Gordon Brown avvertiva donne incinta e i genitori di bambini fino a cinque anni di evitare luoghi affollati e soprattutto viaggi. «Il motivo – ha spiegato il ministro degli interni Alan Johnson alla Bbc – è legato alla natura del virus che sembra attaccare i giovanissimi più che gli anziani». Molto più drammatico, l'allarme lanciato dal Nation childbirth trust che da giorni suggerisce alle donne di rinviare progetti di maternità. Un altolà che ha irritato sia le associazioni dei medici che quella degli infermieri uniti nel denunciare l'isteria collettiva che attraversa il paese. «È una reazione del tutto sproporzionata», ha dichiarato Steve Field, numero uno dell'associazione del medici britannici. Parere condiviso anche dal governo. La realtà è che il moltiplicarsi di allarmi nasce dall'altro numero di vittime del virus nel Regno di Elisabetta. Sono già morte ventinove persone e la previsione, come detto, è nell'ordine delle decine di migliaia quando la pandemia avrà raggiunto il suo vertice nell'autunno-inverno. Ogni anno in Gran Bretagna muoiono per complicazioni in qualche modo riconducibili all'influenza stagionale fra 6 e le 8mila persone.

LEGGI ANCHE:
INFLUENZA SUINA, NUOVA INFLUENZA,COLPIRÀ 15 MILIONI DI ITALIANI, VACCINO A OTTOBRE

INFLUENZA SUINA: NUOVA INFLUENZA, IL VIRUS ORA RESISTE AI FARMACI

INFLUENZA SUINA: NUOVA INFLUENZA, ALLERTA PER LE GRAVIDANZE

INFLUENZA SUINA: nuova influenza, più di una varietà dell'A/H1N1

influenza suina: Un grande affare per le case farmaceutiche. La strana natura del virus. I piani di emergenza Usa

INFLUENZA SUINA: NUOVA INFLUENZA: CANADA, COMPLETATA PRIMA SEQUENZA GENETICA VIRUS

SINTOMI DELL'INFLUENZA SUINA
.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali