giovedì 3 gennaio 2013

Rischio disastro ecologico in Alaska: Si incaglia chiatta piena di carburante

 NEW YORK - Si rischia un disastro ecologico in Alaska, dove una chiatta per trivellazioni petrolifere con quasi 600mila litri di carburante a bordo ha rotto gli ormeggi a causa del forte maltempo e si è incagliata al largo dell'isola Sitkalidak, che si trova proprio davanti al Parco Nazionale Kodiak.


Nuovi dubbi sull'opportunità delle ricerche petrolifere nell'Artico dopo che una piattaforma della Shell è andata alla deriva e si è arenata in un'isola dell'Alaska presso un parco nazionale. La piattaforma di perforazione Kulluk della Shell nel pomeriggio di lunedì 1° gennaio con il mare in burrasca (vento con raffiche a 110 km/h e onde di 11 metri) ha rotto i cavi che la tenevano collegata a due rimorchiatori e si è arenata davanti alla costa sud-orientale dell'isola disabitata di Sitkalidak, che si trova di fronte al parco dell'isola Kodiak nel golfo dell'Alaska.
 PERDITE - Gli elicotteri che hanno sorvolato la piattaforma - al momento le condizioni del mare con vento a 60 km/h e onde di 10 metri non hanno consentito di salire a bordo - non hanno riscontrato perdite dai serbatoi che contengono 541 mila litri di diesel e 45 mila litri di oli e fluidi idraulici che mettano a rischio le foche e i leoni di mare che vivono nella baie di Sitkalidak. La Shell ha fatto sapere che la piattaforma è stata rinforzata con paratie in acciaio spesse 76 mm ed è tornata in attività la scorsa estate nel mare di Beaufort dopo lavori di ammodernamento per quasi 300 milioni di dollari.

POLEMICHE - La piattaforma di 28 mila tonnellate era in fase di traino diretta a Seattle per ulteriori lavori di manutenzione, ma la tempesta ha rotto i cavi. I 18 membri dell'equipaggio sono stati evacuati con gli elicotteri e nessuno è rimasto ferito. L'incidente ha riattivato negli Stati Uniti le polemiche sulle concessioni per la ricerca e lo sfruttamento dei giacimenti di petrolio nell'Artico (anche se questo incidente non è avvenuto geograficamente nell'Artico) ed è un duro colpo al programma di 4,5 miliardi di dollari di ricerca offshore Shell. «Le compagnie petrolifere non possono fare ricerche in modo totalmente sicuro nelle condizioni esistenti a quelle latitudini. In caso di incidente le conseguenza per l'ambiente sarebbero disastrose», ha commentato Ed Markey, capogruppo dei democratici alla Camera nella commissione Risorse naturali. Lois Epstein, direttore del programma Artico della Wilderness Society, ha aggiunto che «le compagnie non sono in grado di far fronte alle condizioni ambientali dell'Artico». Rick Steiner, ex professore di biologia marina dell'Università dell'Alaska e attivista ambientale, ha aggiunto che i rischi del transito attraverso il golfo dell'Alaska per raggiungere i giacimenti nell'Artico sono stati sottostimati.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali