lunedì 14 marzo 2011

GIAPPONE: SAVE THE CHILDREN, 500.000 SFOLLATI. 100.000 I BAMBINI

Continua ad aumentare il numero degli sfollati in Giappone e tocc a quota 500.000 persone di cui 100.000 bambini. Lo denuncia Save the Children i cui operatori gia' da ieri sono presenti nell'area piu' colpita.

L'organizzazione ha lanciato un appello per raccogliere 5 milioni di dollari per portare aiuto alle persone che hanno perso la propria casa e che ora hanno trovato un riparo nei 2050 centri di evacuazione, molti dei quali sono senza acqua ed elettricita'.

Anche il resto della popolazione, purtroppo continua a vivere in condizioni precarie e disagiate. Secondo le fonti ufficiali ben 2,6 milioni di persone vivono in case senza elettricita', 2,6 milioni non hanno il gas e 1,4 milioni non hanno l'accesso all'acqua.

''Questa situazione, unita alle continue scosse di assestamento, non fa che aumentare il senso di disagio dei bambini, che hanno gia' dovuto sperimentare la paura e l'insicurezza provocate da un evento traumatico come questo.

E' per questo che Save the Children si e' immediatamente attivata e sta lavorando con il proprio team di esperti per fornire un supporto sia ai bambini che ai genitori, al fine di aiutarli a fare fronte al devastante impatto del terremoto'', spiega Stephen McDonald, coordinatore dell'intervento di emergenza di Save the Children.

Save the Children ha gia' inviato un team a Sendai - l'area piu' colpita - stabilendovi una base operativa.

Inoltre un altro team dell'Organizzazione e' dispiegato lungo la strada da Tokyo a Sendai per organizzare e allestire delle ''aree sicure'' per i bambini, degli spazi dove possano essere protetti e assistiti, permettendo cosi' ai genitori di registrarsi per ottenere gli aiuti e l'assistenza d'emergenza.

Inoltre l'organizzazione intende avviare attivita' di ricongiungimento dei minori rimasti soli e separati dai genitori.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali