sabato 19 marzo 2011

INCIDENTI NUCLEARI : GIAPPONE FUKUSHIMA RADIOATTIVITA' IN LATTE, SPINACI E ACQUA DI TOKYO

Dopo l'emergenza nucleare, in Giappone fa capolino l'allarme per cibo e acqua contaminati dalle radioazioni. Livelli di radioattivita' ''superiori ai limiti legali'', ha reso noto oggi il portavoce del governo giapponese Yukio Edano, sono stati riscontrati nel latte prodotto nei pressi della centrale nucleare di Fukushima e negli spinaci coltivati nella vicina prefettura di Ibaraki.

Tracce di iodio radioattivo sono state inoltre trovate nell'acqua di rubinetto a Tokyo e nelle prefetture vicino alla zona di Fukushima, come riferito da un funzionario del ministero della Scienza, che ha pero' assicurato che i livelli sono ben al di sotto del limite legale.

Il latte contaminato e' stato trovato nella prefettura di Fukushima, fino a 30 chilometri dal primo reattore nucleare, mentre livelli anormali sono stati riscontrati anche negli spinaci coltivati nell'altra prefettura vicina, quella di Ibaraki. Il portavoce del ministero della Salute ha fatto sapere che si studia la provenienza dei prodotti e dove vengono distribuiti in modo da sospenderne la vendita.

Edano ha anche sollecitato i consumatori a rimanere calmi spiegando che anche il consumo di latte radioattivo continuato per un anno ha un livello di contaminazione pari a quello di una tac. Un funzionario della prefettura di Fukushima ha riferito che ai produttori di latte nella citta' di Kawamata, dove e' stato trovato il campione contaminato, e' stato chiesto di astenersi dalle spedizioni fino a nuovo avviso e di non consumare latte. Stessa cosa e' stata chiesta agli agricoltori nel raggio di 30 chilometri. La Tepco (Tokyo Electric Power), la compagnia che gestisce l'impianto nucleare, si e' scusata per la contaminazione dei prodotti alimentari avanzando l'ipotesi di dare dei rimborsi agli agricoltori colpiti.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali