martedì 2 marzo 2010

OGM: CRESCONO NEL MONDO DEL 7% MA AFFAMATI ANCORA +9%


Nel 2009 gli affamati nel mondo sono cresciuti del 9 per cento arrivando alla vetta di 1,02 miliardi, il livello piu' alto dal 1970 secondo la Fao, nonostante l'aumento del 7 per cento dei terreni coltivati con organismi geneticamente modificati (ogm), che hanno raggiunto i 125 milioni di ettari nei 25 soli paesi dove sono coltivati nel mondo. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base del rapporto annuale 2009 dell' ''International Service for the Acquisition of Agri-biotech Applications'' (Isaaa).

Il record di persone che soffrono la fame e' stato raggiunto proprio nell'anno in cui, sottolinea la Coldiretti, si e' avuta un forte aumento degli ogm nei paesi in via di sviluppo, dove la crescita e' stata superiore alla media mondiale (+13 per cento) e dove oggi si trovano quasi la meta' (46 per cento) dei terreni coltivati a biotech nel mondo.

Il pressing delle multinazionali, che e' fallito in Europa dove le semine sono calate del 12 per cento, ha avuto invece successo nei paesi meno sviluppati dove pero' le coltivazioni ogm non solo non hanno quindi risolto il problema della fame, ma, continua la Coldiretti, hanno anche aggravato la dipendenza economica dall'estero. Una situazione di cui stanno prendendo coscienza numerosi Paesi come dimostra la scelta del governo indiano nel 2010 di respingere al mittente la prima melanzana modificata geneticamente (ogm) pronta ad arrivare sul mercato.

Nessun commento:

Lettori fissi

Visualizzazioni totali